Fotografia in viaggio – 5 errori del fotografo in viaggio

Stai per partire o stai viaggiando e decidi di fare foto. Prepari tutto, soprattutto gli strumenti fotografici da mettere in valigia e poi? Torni a casa e non sei soddisfatto del risultato o nemmeno metti mano alle foto che hai fatto. Che cosa è successo? Ecco 5 errori del fotografo in viaggio da non commettere.


1) Modalità raffica: ON

Quante volte capita di pensare “più foto scatto meglio è. Una bella esce sicuro!“?

Questo approccio può essere adeguato in caso di foto in movimento, come quelle sportive o di qualche evento particolare, ma non è sempre la soluzione migliore. Il problema principale è che facendo così non si impara. Il primo step per migliorare è quello di imparare a individuare il momento giusto in cui scattare una fotografia selezionando i settaggi corretti della macchina. Lo scopo della fotografia è quello di selezionare un momento della realtà e scattare un’immagine che contenga al suo interno qualche qualità estetica. Meglio quindi ricordarsi di selezionare per imparare a farlo!

Verbania - Fotografia in viaggio - Tempi lunghi - 5 errori del fotografo in viaggio

2) Caricarsi a dismisura

Mille idee e mille strumenti per realizzare le foto. Quali strumenti porto? Sicuramente ci sono alcuni strumenti che non possono essere lasciati a casa, ma portare in viaggio ogni tipo di obiettivo ed attrezzatura fotografica non è la strada migliore per affrontare la fotografia in viaggio. Uno zaino pesante e pieno di cose non vi aiuterà a fare foto migliori, anzi potrebbe far perdere tempo e creare disorganizzazione. Il bello della fotografia di viaggio è anche “perdersi” in posti sconosciuti e camminare lasciandosi ispirare; un grosso ingombro potrebbe farvi desistere e perdere grandi occasioni.

Borsa foto - 5 errori del fotografo in viaggio - macchina fotografica - istanti in viaggio

3) La luce è nostra alleata

Uno dei 5 errori del fotografo in viaggio è farsi prendere dalla fretta di scattare e non guardare con attenzione la scena da immortalare. Prima di scattare è necessario analizzare la luce e capire in che modo essa influenzerà la scena. Prendersi un po’ di tempo per capire da dove viene la luce e che tipo di luce è, è molto importante. Buttarsi a capofitto senza pensare può portare ad un risultato poco soddisfacente con scatti che contengono parti sotto esposte o “bruciate”. La luce è una nostra alleata, giochiamoci.

Leggi anche come sfruttare il maltempo per ottenere ottime foto

Luce nel bosco - fotografia in viaggio - istanti in viaggio - 5 errori del fotografo in viaggio

4) La post-produzione

In molti criticano la post-produzione considerata come rovina e dannazione, ma c’è molta differenza tra utilizzarla per migliorare le regolazioni di una foto e manipolarla completamente. Specialmente nella fotografia in viaggio dove si scatta magari durante uno spostamento, riuscire nello scatto perfetto non è facile. Una sana post-produzione dove vengono regolati i terzi, le luci e un po’ di vividezza, non stravolge la foto, ma aiuta ad interpretarla. Mi raccomando però senza esagerare e senza stravolgere totalmente la fotografia fatta.

5) Essere troppo freddi

Usare passione e sentimento. Quando si scatta, esattamente come in ogni cosa, serve sì la tecnica e la corretta analisi di ciò che si sta per fare, ma questo non deve immobilizzare. Meglio uno scatto sbagliato piuttosto che non averlo fatto e poi averne il rimorso. In fotografia di certo quando non si riesce a prendere una decisione sensata è comunque meglio fare qualcosa piuttosto che non fare niente. La fotografia è emozione e deve trasmetterla, non siate troppo freddi! Ecco quali secondo noi sono i 5 errori del fotografo in viaggio

Sii onesto, quali di questi hai commesso almeno una volta? Noi li abbiamo commessi tutti e ci sono serviti da lezione! Facci sapere nei commenti cosa ne pensi


Per non perderti i nostri contenuti ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Autorizzo il trattamento dei dati personali secondo la
Privacy Policy


Rispondi