Fotografare l’autunno, consigli e idee

villa bernocchi premeno - istanti in viaggio - autunno - fotografare l'autunno -

É iniziato l’autunno e noi di Istanti in Viaggio abbiamo deciso di dedicare a questa stagione un’articolo interamente dedicato. Andiamo a fotografare l’autunno!

Ogni stagione fornisce diverse opportunità fotografiche ma l’autunno è forse la stagione più amata dai fotografi. La natura infatti in questo periodo dell’anno si tinge di caldi colori perfetti per realizzare scatti indimenticabili!

Con questo articolo vi vogliamo far scoprire le potenzialità dell’autunno per le vostre foto e qualche trucchetto utile.

Prima di procedere ricorda di iscriverti alla newsletter per ricevere comodamente i nostri articoli nella casella di posta!

Autorizzo il trattamento dei dati personali secondo la
Privacy Policy

Fotografare l’autunno – I colori

Dimentichiamoci del bianco e nero, questa stagione è tutta sui colori accesi!

Se pensiamo all’autunno ci vengono in mente due tipologie di colore, da un lato quello del grigiore delle nuvole e della pioggia, dall’altra i colori infuocati della natura che cambia.

Ovviamente, ci riferiamo ai colori delle foglie che ingialliscono e arrossiscono sugli alberi.

I colori caldi e brillanti delle foglie possono essere il soggetto principale in una foto di paesaggio o in una foto più ravvicinata (ad esempio la macro di una foglia) ma possono costituire anche splendidi sfondi per qualsiasi altra foto all’aperto.

fotografare l'autunno - autunno - istanti in viaggio - foglie e colori - panorama autunnale - bosco autunnale

Foglie

Le foglie, appunto, sono le “portatrici” dei magnifici colori di cui ho appena parlato. Esse da sole possono fungere da soggetti per foto di sicuro effetto:

  • sugli alberi,
  • per terra,
  • che coprono gli oggetti,
  • che cadono.

Ogni specie ha un colore differente e quando si decide di fotografare l’autunno si deve tenere in considerazione. Col passare dei giorni questi colori variano in migliaia di sfumature differenti Vanno quindi ricercati luoghi diversi e si deve provare a tornare più volte per sfruttare le opportunità date dal cambiamento della situazione.

Quando si formano quei bellissimi manti di foglie rosse e dorate a terra, si possono ottenere scatti meravigliosi portando la macchina fotografica quasi ad altezza del terreno e provando a scattar da lì.

Provate e fateci sapere!

Pioggia e nebbia sono alleate

Fotografare l’autunno non vuol dire uscire con la fotocamera quando piove ed inzupparci.

Ma in autunno accade molto più spesso rispetto alle altre stagioni la pioggia caratterizza le giornate e dobbiamo trovare come tramutare anche questo evento indesiderato in una nuova possibilità.

Sia in città che nella natura, la pioggia crea riflessi, influenza il comportamento delle persone, cambia l’aspetto delle cose.

L’importante è individuare un modo di proteggere te e la fotocamera, o il modo a scattare dall’interno di un edificio o dall’interno di un’automobile. Il risultato che si ottiene è sicuramente affascinante e ripagherà dello sforzo.

Noi vi consigliamo questo sistema di protezione per la vostra fotocamera.

Allo stesso modo la nebbia è nostra alleata.

Maggiormente per chi vive nel nord Italia e soprattutto in pianura Padana, autunno è anche sinonimo di nebbia. Da un punto di vista fotografico la nebbia è uno strumento potentissimo.

Essa è in grado di diffondere la luce in una maniera altrimenti non disponibile in natura. Inoltre, da un punto di vista estetico e artistico la nebbia crea un’atmosfera a volte misteriosa, spesso malinconica. Aiuta anche a nascondere molti elementi di una scena, quindi rende più facile composizioni minimaliste ed evita distrazioni provenienti dallo sfondo.

Leggi il nostro articolo sull’attrezzatura fotografica da non scordare a casa

Il mattino ha l’oro in bocca

Quando si vogliono scattare immagini spettacolari in autunno, la famosa golden hour, quella che caratterizza le luci dell’alba così come quelle del tramonto è sempre la scelta azzeccata! Il colore caldo del sole vicino al tramonto dipingerà ed accenderà ancora di più i colori vivaci dell’autunno.

Soprattutto l’alba è il momento migliore durante questa stagione perchè oltre alla golden hour, si possono catturare momenti unici da scattare.

Per fortuna, in autunno l’alba si sposta gradualmente più tardi, quindi le alzatacce diventano meno pesanti.

In autunno in particolare, di mattina è più facile trovare la bruma, ma non c’è solo questa. Durante la notte sul terreno si condensa l’umidità. È un’ottima occasione per fotografare da vicino i fili d’erba, e la vegetazione in generale, e catturare il brillio delle gocce d’acqua depositate.

Inoltre, man mano che la stagione avanza, quest’umidità durante la notte si congela e forma la brina. Puoi ottenere foto veramente splendide immortalando le trame della brina sulla vegetazione. In combinazione con le foglie cadute per terra, la brina ti garantirà sicuramente una montagna di possibilità.

agave - rugiada - autuno - fotografare l'autunno - istanti in viaggio

Trovate un soggetto

Fotografare l’autunno in ogni sua sfaccettatura. Perchè allora non prendere come soggetto i funghi? Soprattutto quelli velenosi spesso hanno colori che sono incredibili e che uniti allo sfondo vivace delle foglie, possono rappresentare un elemento davvero suggestivo.

Allo stesso modo andiamo alla ricerca di ricci, castagne o semplicemente foglie particolari.

A noi capita passeggiando di trovare delle foglie rimaste attaccate a qualche ragnatela. Queste rimangono appese nel vuoto e sembrano danzare con l’aria. Scattando una foto a queste foglie sembrerà di aver scattato ad una foto durante la sua caduta al suolo.

fungo - fotografare l'autunno - autunno - colori d'autunno - istanti in viaggio

Quante opportunità nella fotografia dell’autunno!

Queste sono alcune idee che speriamo possano ispirare i vostri scatti!

Chissà quante altre possibilità offre questa stagione.

L’unica controindicazione è che per sfruttare appieno tutte queste occasioni bisogna essere pronti ad uscire all’aperto, nonostante l’umidità, nonostante temperature non ancora fredde ma non più estive, ed esplorare alla ricerca dei paesaggi giusti, delle foglie, degli alberi nudi e così via.

Bisogna sempre ricordarsi di coprirsi bene e di proteggere la fotocamera. Una volta a casa, passare sempre un panno asciutto sulla fotocamera per rimuovere l’umidità depositatasi e cercare di non farle fare sbalzi di temperatura eccessivi per evitare che si formi condensa all’interno degli obiettivi.

Se volete un approfondimento di qualcuno di questi spunti, fatecelo sapere con un commento.

Prima di andare, iscrivetevi alla newsletter!

Autorizzo il trattamento dei dati personali secondo la
Privacy Policy

Rispondi